anello solitario su sfondo di raso blu

Il Diamante in tutte le epoche

In tutte le epoche, il diamante, ha sempre esercitato un grande fascino, basta pensare ai Romani ed agli antichi Greci. Essi pensavano che i diamanti fossero frammenti di stelle e lacrime degli dei cadute sulla terra. Gli Indù arrivavano addirittura ad incastonare dei diamanti negli occhi di alcune delle loro statue, attribuendo a loro un magico potere. Secondo la descrizione che ne fece Platone, i diamanti potevano essere paragonati a veri esseri viventi che racchiudevano celesti spiriti, altri non pensavano ai diamanti solo come portatori di successo e fortuna, ma anche come oppositori agli eventi astrologici. Altri ancora li indossavano come amuleti, attribuendo loro l’aumento della capacità di affascinare altre persone e l’aumento del vigore sessuale.

“ Ai diamanti veniva attribuito un potere magico ”

Nel periodo del Medioevo e Rinascimento un anello incastonato con pietre preziose veniva considerato, non solo come gioiello ma anche come amuleto, e veniva attribuita, a chi lo indossava, la capacità di poteri magici quali invincibilità e coraggio.
Nel corso dei secoli gli anelli di diamanti, considerati talismani, hanno segnato l’origine di una tradizione, i sovrani li indossavano attribuendo loro il simbolo di potere.

Un diamante è per sempre

Ancora oggi i diamanti sono considerati di grande fascino e simbolo d’amore. Il momento in cui due persone decidono di sposarsi è sicuramente uno dei momenti più importanti, intimi e magici della loro vita, con un diamante, come pegno d’amore, la magia e la tradizione che si rinnova nei secoli, fa si che queste due persone decidano di diventare una per sempre.

La tradizione, di donare un diamante, come pegno d’amore, risale al XV secolo. Ricordiamo il duca Massimo d’Austria, che regalò un diamante, come anello di fidanzamento e promessa di matrimonio, nell’anno 1477, a Marina di Borgogna. A quel tempo i diamanti erano considerati come portafortuna o talismani ed erano in grado di aumentare i sentimenti di un marito verso la propria moglie. Si diceva che persino nelle frecce di Cupido vi fosse una punta di diamante a conferire un potere eccezionale.
La tradizione, segna da quel momento in poi, l’usanza di regalare un anello di diamante, per il fidanzamento come pegno d’amore. Tale tradizione si diffonderà in tutto il mondo.

 

Inizialmente le montature degli anelli di diamanti, donati per il fidanzamento, erano piuttosto elaborate e non mostravano la pietra in tutta la sua lucentezza. In seguito, e solo nel 1870, con la scoperta della miniera di diamanti nel continente Africano essi divennero accessibili ad un pubblico più ampio. Ecco che per tale motivo la domanda aumentò e, di conseguenza, anche la ricerca di nuovi design.
Il misterioso potere di un diamante si ritiene, possa risalire all’Antico Egitto. Gli antichi Egizi credevano che nell’anulare della mano sinistra risiedesse la vena dell’amore (amoris) e che arrivasse direttamente al cuore. Ed ecco perché la tradizione ci ha portati a indossare un anello di diamanti nell’anulare della mano sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categories

Categorie
Post recenti
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Image
  • SKU
  • Rating
  • Price
  • Stock
  • Availability
  • Add to cart
  • Description
  • Content
  • Weight
  • Dimensions
  • Additional information
Click outside to hide the comparison bar
Confronta
Carrello vicino